Dossier rifiuti nucleari. C’è la mappa dei siti

 

Avvenire 22.03.2018



Una risposta a:
Dossier rifiuti nucleari. C’è la mappa dei siti

  1. Pier Luigi Caffese ha detto:

    DEPOSITO RIFIUTI NUCLEARI.CALENDA a casa se fa approvare il sito Sogin ,senza esaminare il plasma rifiuti.Il ministro dello Sviluppo Carlo Calenda conta di pubblicare entro questa o la prossima settimana il decreto per la Carta nazionale per le aree potenzialmente idonee al deposito nucleare di superficie. ‘Il documento ci sta arrivando. Ha fatto delle correzioni l’Ispra e le ha rimandate al ministero dell’Ambiente che ora deve rimandarla a noi – ha risposto ai cronisti a margine del Rapporto del Gse – Appena lo farà, faremo il decreto ministeriale Ambiente-Sviluppo. Conto di farlo tra questa e la prossima settimana’.
    Ispra. L’Istituto superiore per la protezione e la ricerca ambientale (Ispra) ha trasmesso ai Ministeri dell’Ambiente e dello Sviluppo economico il suo parere su di un aggiornamento della Carta nazionale delle aree potenzialmente idonee per localizzare il deposito nazionale dei rifiuti radioattivi (Cnapi). La Carta è stata predisposta dalla Sogin, la società incaricata della dismissione degli impianti nucleari e della messa in sicurezza dei rifiuti radioattivi. La Sogin, ha spiegato l’Ispra sul suo sito il 5 marzo scorso, ha fatto alcune alcune modifiche alla sua proposta di Cnapi del 2015, a causa di aggiornamenti ai database usati per l’elaborazione. Queste modifiche hanno reso necessario un nuovo controllo da parte dell’Ispra. L’Istituto, dopo aver verificato e validato i risultati cartografici, ha trasmetto ai ministeri la nuova bozza della mappa delle aree idonee per il deposito di scorie nucleari, “senza formulare rilievi”. La relazione dell’Ispra è top secret, così come la proposta di mappa dei siti idonei, fino alla pubblicazione. Questa avverrà dopo il rilascio del “nulla osta” da parte dei due Ministeri.
    De Petris (LeU). “È inconcepibile che un governo in carica solo per il disbrigo degli affari correnti, che non esprime alcuna maggioranza parlamentare, si arroghi il diritto di indicare per decreto le aree nelle quali dovrebbero essere depositate le scorie nucleari”. Lo afferma in una nota la senatrice di LeU Loredana De Petris. “Pd e governo continuano a mostrare la stessa arroganza del potere che ha funestato l’ultima legislatura. Ma una questione come quella delle scorie nucleari è troppo importante per la vita e la salute delle persone per poter essere affidata a un governo privo di ogni legittimità in materia”, conclude la senatrice De Petris.
    Caffese.Ho inviato il progetto plasma nuclear waste ed esigo sia discusso senza Calenda che l’ha sempre bloccato per dare 25 miliardi di spreco a Sogin dopo averne messo a bilancio 7 di miliardi.Dopo il Tap spreco di 1200 miliardi,questo è il 2° spreco italiano che supera il Mose da 7 miliardi al 3° posto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.