Censimento dei beni di interesse archeologico

Fra gli  allegati alla tesi di laurea sostenuta il 29 aprile del 1999 dal dott. Arch. Rodolfo Bosi (pubblicata sul sito dell’Ente Parco di Veio alla pagina http://www.parcodiveio.it/parco-regionale-di-veio-linee-di-proposta-per-il-piano-di-assetto/) c’è il “Censimento dei beni di interesse archeologico di epoca preistorica, villanoviana, etrusca e romana” che per ogni bene elencato in ordine alfabetico riporta i dati noti a quel momento: non ci possono  essere quindi le classificazioni del Piano Territoriale Paesistico Regionale (PTPR) in quanto adottato dalla Giunta Regionale del Lazio 8 anni dopo.

Il censimento non registra anche i beni ricadenti ai bordi del Parco di Veio, fra cui in particolare quelli ricadenti nella Piana di Tor di Quinto e del Tevere lungo l’antica via Flaminia: se ne riporta pertanto separatamente una integrazione.

Censimento dei beni di interesse archeologico.

Beni archeologici lungo viale Tor di Quinto e la via Flaminia