Campi di mais sequestrati in Friuli dopo moria api

 

Ci sarebbe l’utilizzo dei “neonicotinoidi”, prodotti fitosanitari utilizzati in agricoltura come insetticidi e antiparassitari ma il cui impiego è vietato per concia delle sementi, cereali e colture che attraggono le api, alla base della moria di api e degli anomali spopolamenti degli alveari, fenomeno a cui si assiste ormai da anni nelle campagne, italiane e internazionali.

Lo rileva una indagine avviata due anni fa dalla Procura di Udine e sfociata ora nel sequestro dei campi di mais, 17 fondi agricoli in varie zone della provincia, notificato a 22 indagati, tra proprietari e conduttori dei fondi in cui sarebbero stati utilizzati i prodotti vietati.

L’ipotesi di reato è inquinamento ambientale.

I neonicotinoidi farebbero infatti perdere l’orientamento alle api che non riescono dunque più a trovare gli alveari.

Le sostanze sono state messe al bando nei giorni scorsi anche dall’Unione europea.

Il divieto di utilizzo all’aperto sarà applicabile da fine 2018.

La Procura da marzo a giugno 2016, ha monitorato 400 arnie vicine a campi di mais nella campagna friulana rilevando che la popolazione delle api da miele era calata da circa 60 mila a 10-20 mila unità.

(ANSA del 5 maggio 2018, ore 14:41)



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.